Mind hacking: controlla la tua mente per migliorare la tua vita

Mind hacking: controlla la tua mente per migliorare la tua vita

mind hacking, hackera la mente per raggiungere la vita che vuoi mudesk feat

Il tema del mind hacking non è molto comune in Italia, e secondo me è un vero peccato perché si tratta di una delle attività più potenti che possiamo mettere in pratica. La mente umana mi ha sempre affascinato. Ho sempre trovato incredibile come la natura ci abbia dotati di uno strumento così estremamente potente, immenso, quasi infinito. E ho sempre trovato strano di come in pochi si interessino davvero di cercare di capire i meccanismi più strani di questo complesso e potentissimo strumento.

Mind hacking, cos’è

Per molti anni non ho fatto caso nemmeno io a questo tema, mi sono trovato però costretto ad affrontarlo quando decisi di smettere di fumare. Se durante i primissimi giorni potevo pensare che si trattava solo di un semplice gesto fisico, mi dovetti ricredere, e capii che il “mostro” da battere era ben più potente, e radicato all’interno della mia mente. Così, senza saperlo, iniziai da solo a studiare tutte le associazioni che la mia mente creava per spingermi a fumare, e piano piano iniziai a smontarle e sostituirle con associazioni negative.

Non lo sapevo ancora, ma quello che stavo facendo era proprio mind hacking. In altre parole, stavo hackerando gli schemi mentali che mi spingevano a fumare, facendomi vedere il fumo come qualcosa di positivo, per trasformarli in schemi negativi. In questo modo la mente al posto che lavorare contro di me, poteva lavorare con me, spingendomi sempre più lontano dal fumo.

Mind hacking e filosofie orientali, come si collegano

Mi piace vedere il mind hacking come la traslazione delle discipline orientali in occidente. Se infatti il Buddha enfatizzava l’importanza di disciplinare e controllare la mente, e la Baghavad Gita (uno dei più importanti testi sacri Indù) parla di come un vero Yogi sia colui che riesce a disciplinare la mente togliendo gli attaccamenti dell’ego.

Questo è solo per fare degli esempi con alcune delle filosofie orientali più famose, ma ritroviamo principi e concetti simili anche nelle filosofie Zen e nel Taoismo. In occidente però tutti questi modi di interpretare la vita sembrano lontani e distanti proprio per via dei molti pregiudizi che si hanno sull’oriente.

Con l’ingresso del nuovo pensiero New Age, la psicanalisi e l’integrazione della meditazione e lo Yoga anche nella cultura occidentale, le cose stanno notevolmente cambiando. Anche ad “ovest” ci stiamo rendendo conto che la mente è uno strumento potentissimo che non può essere trascurato. Questa sorta di unione tra oriente e occidente, in chiave moderna, secondo me può essere rappresentata benissimo dal concetto di Mind Hacking.

Controlla la tua mente

Prova a vederla così: la mente è uno strumento potentissimo, che si forma con il passare del tempo in base al contesto, le esperienze e l’apprendimento. Uno strumento così potente necessita di consapevolezza, il problema è che nei primi anni di vita, fino all’età adolescenziale e a volte anche oltre, non si ha ancora la consapevolezza necessaria per andare ad agire in maniera manuale sui pensieri della mente. In altre parole, ad un certo punto della tua vita ti ritrovi con una mente che si è costruita un po’ per caso, un po’ per le esperienze che ti sono capitate e le situazioni in cui ti sei ritrovato.

Quando arriva una consapevolezza più profonda all’interno dell’essere umano, si inizia ad avere il potere di trasformare la mente e plasmarla per un futuro più in linea con il proprio spirito e i propri interessi. Ed è proprio qui che entra in gioco il tema del Mind Hacking. Un mindhacker è colui che riesce ad “entrare” negli schemi di pensiero della propria mente, e a modificarli, cambiando di conseguenza il suo destino.

Se ad esempio a 25 anni ti ritrovi sovrappeso, con anni da fumatore alle spalle, un lavoro poco gratificante e molti debiti, hai due scelte, o accettare il destino che ti si è costruito, oppure andare ad agire direttamente alla radice, cambiando i tuoi schemi mentali e di conseguenza anche il tuo futuro.

Come diventare un mindhacker

Sono sincero, la strada per diventare un mindhacker non è affatto semplice. Andare a identificare gli schemi di pensiero limitanti e modificarli è tremendamente difficile. C’è però un risvolto estremamente positivo, anzi potremmo dire più di uno. Da una parte, modificare ciò che ci fa stare male, o adesso o lo farà nel lungo periodo, ci porta una sensazione di benessere e sollievo. Inoltre ci permette di vivere una vita di maggiore qualità nel lungo periodo. Dall’altra parte, diventare un minhacker aumenta notevolmente i livelli di fiducia in te stesso e di autostima. Capire come funziona la mente e modificare gli schemi, significa diventare padrone di sé, e non schiavo di uno strumento più forte di te.

Il percorso è difficile, in salita. Ci saranno molte delusioni e sconfitte, ma la vittoria di conquistare un posto all’interno della propria mente è estasiante. Inoltre, capire come funziona la mente tramite l’osservazione interna, ti da la capacità di comprendere schemi e meccanismi sconosciuti dalla maggior parte delle persone. Vediamo quindi quali tecniche e strumenti possono esserti utili per affrontare questo lungo e difficile percorso del mind hacking.

Mindfulness e meditazione

Il primo concetto da capire e padroneggiare per diventare un mind hacker è quello della meditazione. Essa va differenziata dalla mindfulness, che serve anch’essa nel percorso di mind hacking. Con meditazione si intende una vera e propria pratica meditativa, che segue delle regole ben precise. Bisogna ad esempio stare seduti con la colonna vertebrale allineata con il suolo, ascoltare il proprio respiro e lasciarsi andare. In altre parole, si tratta di una pratica che richiede un tempo e delle tecniche stabilite.

Il concetto di mindfulness invece è un po’ diverso. Con la mindfulness si intende la capacità di rendersi consapevoli del momento presente, indipendentemente dall’azione che si sta compiendo. Si può praticare la mindfulness in qualunque istante della propria vita, si tratta di osservare ciò che si sta facendo, e rendersi consapevoli del momento presente. Visto che la mindfulness fa parte della meditazione, spesso i due termini si confondono. Ma comprendere questa prima differenza è già un grandissimo passo in avanti per il tuo percorso di mind hacking.

Mind Hacking: la meditazione

mind hacking cos'è e come diventare un mind hacker con meditazione e mindfulness

Partiamo quindi in questo percorso per diventare un mind hacker con la meditazione. Essa rappresenta il primo step perché ci permette di iniziare a ripulire la mente da tutto ciò che non siamo, per renderci conto di chi siamo veramente. Non serve fare sessioni infinite di meditazione, già arrivare a 10 minuti al giorno può essere sufficiente. L’importante è essere costanti nella pratica. Continuando a meditare si coglierà meglio la differenza tra meditazione e mindfulness, conquistando così la conoscenza di un modo di agire ideale per un vero mind hacker.

Inoltre la meditazione aiuta ad identificare il proprio dialogo interiore, che è esattamente ciò che crea le nostre scelte, e quindi anche la nostra vita. Saper gestire il proprio dialogo interiore è un aspetto cruciale per un mind hacker. Solo comprendendo il dialogo, o monologo che avviene all’interno di sé si può scegliere come reagire, e scegliere se essere compassionevoli nei propri confronti oppure no.

Mind Hacking: la mindfulness

Come abbiamo visto sopra, la meditazione, all’inizio, serve per raggiungere la capacità di comprendere cos’è la mindfulness. Ora che sei in grado di essere pienamente consapevole del momento presente, e osservare te stesso, puoi riuscire a distaccarti dagli schemi mentali che ti fanno male, e separarli dalla tua vita. Una volta che vedi chiaramente le associazioni che crea la tua mente riguardo alcuni argomenti, puoi scegliere di cambiarli e modificarli a tuo piacimento.

Ma attenzione, prima di fare ciò, dovrai passare da una fase di pura osservazione non giudicante. Quest’ultimo fattore è estremamente importante. Non devi giudicare il tuo comportamento, piuttosto dovrai discernerlo. Vale a dire che puoi pensare che un comportamento sia sbagliato, o che comunque ti porterà dei danni nel lungo periodo, ma non devi categorizzarlo come “negativo”. Grazie alla facoltà di osservare un comportamento, senza giudicarlo, troverai il modo naturale di cambiarlo, e cambiare quindi anche la tua vita.

Yoga

mind hacking come diventare un mind hacker con lo yoga

Praticare lo yoga può essere molto utile per comprendere ancora meglio i concetti di mindfulness e meditazione. Lo yoga infatti presuppone un ascolto completo e totale del corpo e del momento presente. Inoltre, aiuta ad accettare i propri limiti, i limiti del momento presente, e a praticare un ascolto sempre più attivo e consapevole verso sé stessi e gli altri.

Diario o taccuino

life planner come scegliere quello perfetto per il life design mudesk feat

Un altro strumento molto importante che ti accompagnerà durante il tuo percorso di mind hacking è un diario o taccuino personale. Scrivere espressamente i propri obiettivi, il proprio percorso e i propri pensieri, è un’arma potentissima per esplorare la propria mente. Non serve rileggere ciò che si è scritto, anche se in alcuni casi potrebbe risultare utile. Il vero valore del diario personale consiste proprio nel processo di scrittura. Quando scriviamo qualcosa è come se materializzassimo un pensiero. La materializzazione del pensiero lo rende più malleabile e quindi modificabile. In questo modo puoi esercitare il tuo pieno potere di mind hacker.

Il diario o taccuino che sceglierai non deve avere qualcosa in particolare, se non il fatto di sentirlo tuo. Devi trovare quella connessione speciale con il tuo diario che ti faccia sentire tutto il tuo potere e potenziale creativo. Quindi non ci sono regole, anche se ho pensato di offrirti un paio di spunti da cui magari puoi partire, ecco i due taccuini che ho selezionato per te. Ti consiglio anche di leggere l’articolo che abbiamo scritto sul life planner. Infatti il tema del mind hacking si sposa benissimo con quello del life design, un altro tema di cui abbiamo parlato molto su questo sito.

Sale
PdiPigna - Taccuino con pagine bianche, Italian types Regular, BI, color Ocra
  • Copertina semirigida in carta materica
  • Formato : 14,8 x21 cm.
  • tasca interna

Sale
Moleskine Classic Notebook, Taccuino a Righe, Copertina Morbida e Chiusura ad Elastico, Formato Large 13 x 21 cm, Colore Rosso Scarlatto, 192 Pagine
  • Il classico e leggendario taccuino Moleskine si tinge ancora di nuovi colori e sfumature mantenendo l'iconicità e le caratteristiche del taccuino più amato
  • Design classico con chiusura ad elastico e un comodo segnalibro per non perdere mai il segno; Sul retro è presente una tasca interna espandibile per contenere biglietti e fogli importanti
  • Il taccuino presenta 192 pagine con layout a righe e carta color avorio da 70 g/m² senza cloro e l'iconica etichetta "In case of loss" per segnare i tuoi contatti qualora perdessi il tuo taccuino

Conclusione

Iniziare il percorso di mind hacking non è semplice, e non è per tutti. Tuttavia, se te la senti, puoi iniziare questo bellissimo viaggio alla scoperta della tua mente. La cosa più bella di tutte infatti, non è la modifica dei pensieri in sé, ma la conoscenza di uno degli strumenti più belli e affascinanti che la natura abbia mai creato: la mente umana. Infine ecco altri articoli che possono aiutarti per il tuo percorso di mind hacking, oltre a quelli che abbiamo già linkato lungo tutto l’articolo.

Categorie

Iscriviti al canale ufficiale di Mudesk